Marcello Dudovich, il pittore della vita moderna. Gli anni Trenta

Il rischio di rimanere indietro, di essere considerato “fuori tempo” e di ritrovarsi scavalcato, è in questi anni grande per Dudovich. Ma di tutto quello che gli sta intorno ne farà, come sempre, tesoro, rinnovando la sua arte e rimanendo sempre se stesso nonché il punto di riferimento del manifesto italiano. Era questa una delle tante doti del grande maestro, di assimilare quello che gli stava intorno, mai imitando o copiando, ma rimeditandolo e facendolo divenire un linguaggio autonomamente “dudoviciano”.

Copertina di M. Dudovich per la rivista “Sul Mare”, giugno 1935 - Fonte: “M.A. de Caterina, Marcello Dudovich: le decorazioni murali (1906 - 1947)”.
Copertina di M. Dudovich per la rivista “Sul Mare”, giugno 1935 – Fonte: “M.A. de Caterina, Marcello Dudovich: le decorazioni murali (1906 – 1947)”.

Negli anni Trenta nelle sue opere si accentueranno i canoni novecentisti, enfatizzando la forma-volume e la tendenza geometrizzante. Questo anche grazie all’influsso esercitato dal suo allievo (e poi anche genero) Walter Resentera.

Il chiaroscuro assume una nuova valenza e la tavolozza si fa meno squillante. Prevalgono anche gli sfondi neutri, grossolanamente sfrangiati.

Copertina a colori di M. Dudovich, in “La Lettura”, Agosto 1933 – Fonte: “M.A. de Caterina, Marcello Dudovich: le decorazioni murali (1906 - 1947)”.
Copertina a colori di M. Dudovich, in “La Lettura”, Agosto 1933 – Fonte: “M.A. de Caterina, Marcello Dudovich: le decorazioni murali (1906 – 1947)”.

Anche le stesse scritte pubblicitarie, da elegantemente articolate come erano fino agli anni Venti, divengono pesanti e cubitali, come fossero scolpite nel marmo.

Negli anni Trenta si afferma la nuova donna di Dudovich, meno aristocratica e “fatale” ma più emancipata e sportiva, sicura e “moderna”, sempre affascinante ed elegante. Sono donne alte, snelle, giovani ma non giovanissime, sportive e vacanziere.

Bozzetto di M. Dudovich per la copertina della rivista “Sul Mare”, maggio-giugno 1931 - – Fonte: “M.A. de Caterina, Marcello Dudovich: le decorazioni murali (1906 - 1947)”.
Bozzetto di M. Dudovich per la copertina della rivista “Sul Mare”, maggio-giugno 1931 – – Fonte: “M.A. de Caterina, Marcello Dudovich: le decorazioni murali (1906 – 1947)”.

Nel bellissimo manifesto per la casa automobilistica FIAT, al dinamismo implicito dell’automobile si accompagna la figura vista di spalle della donna, elegante e sicura di sé che procede con passo spedito. Attorno alla macchina aleggia un clima di signorilità, di classe e di eleganza.

M. Dudovich, Fiat - La nuova Balilla per tutti - Eleganza della signora, 1934., Manifesto litografico (stampa Star-IGAP, Milano) 195x140 cm. Raccolta Salce, Museo Civico Bailo, Treviso
M. Dudovich, Fiat – La nuova Balilla per tutti – Eleganza della signora, 1934., Manifesto litografico (stampa Star-IGAP, Milano) 195×140 cm. Raccolta Salce, Museo Civico Bailo, Treviso

Questa “nuova” donna moderna, emancipata e sportiva, appare in particolare nelle pubblicità di Dudovich per la Rinascente, con tratto pubblicitario geniale, in modo elegante e mai volgare. La sua maniera semplice e quasi plastica esprime in pochi tocchi tutti i cambiamenti di moda.

M. Dudovich, La Rinascente – Articoli per villeggiatura, 1926- 27. 128 x 185 cm. Treviso, Raccolta Salce
M. Dudovich, La Rinascente – Articoli per villeggiatura, 1926- 27. 128 x 185 cm. Treviso, Raccolta Salce

Spesso queste donne nascondono il volto allo spettatore, celandosi sotto il cappello o collocandosi di sguincio o di schiena, come in questo manifesto dove una donna, con agile mossa, “scavalca” la scritta “La Rinascente”.

M. Dudovich, La Rinascente – Novità di stagione, 1934 ca. (Stampa Star-IGAP; Milano). 195 x 140 cm.
M. Dudovich, La Rinascente – Novità di stagione, 1934 ca. (Stampa Star-IGAP; Milano). 195 x 140 cm.

E ancora una donna, una signora con un abito rosso intenso, circondata da valige e bauli sospesi nell’aria a indicare l’offerta di articoli da viaggio.

M. Dudovich, La Rinascente – Articoli da viaggio, 129 x 185 cm.
M. Dudovich, La Rinascente – Articoli da viaggio, 129 x 185 cm.

Vai al prossimo articolo: “Marcello Dudovich, il pittore della vita moderna. Il  secondo dopoguerra e l’ultima produzione”

 

BREVI RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI:

Per una bibliografia più esaustiva si rimanda alla Bibliografia, curata da me, pubblicata nel catalogo della mostra “Marcello Dudovich. Oltre il manifesto”

de CATERINA, Maria Alessandra, Marcello Dudovich: le decorazioni murali (1906 – 1947), tesi di laurea, Università degli Studi di Roma “La Sapienza”, Facoltà di Lettere e Filosofia, relatore Silvia Bordini, a.a. 1999/2000

CURCI, Roberto, MASAU DAN, Maria, Marcello Dudovich. Oltre il Manifesto, Milano, Edizioni Charta, 2002. (Catalogo della mostra). Testi di: Roberto Curci, Gian Luigi Falabrino, Piero Delbello, Maria Alessandra de Caterina, Lucio Scardino, Rossana Bossaglia, Anna Maria Spiazzi.

de CATERINA, Maria Alessandra, Segni moderni e sogni del passato. Dudovich muralista, pp. 52-63, in “Marcello Dudovich. Oltre il Manifesto”, Milano, Edizioni Charta, 2002 (Catalogo della mostra)

CURCI, Roberto, Marcello Dudovich cartellonista, 1878-1962, Trieste, Cassa di Risparmio di Trieste, 1976

Archivio storico di Marcello Dudovich: www.marcellodudovich.it

CURCI, Roberto – DORFLES, Gillo, Marcello Dudovich 1878-1962. I cento bozzetti e manifesti per la Rinascente, Milano, Fabbri editore, 1985. (Catalogo della mostra)

“La Rinascente” Archivio: https://archives.rinascente.it

FARINA, Ferruccio, Il mare di Dudovich, vacanze e piaceri balneari nei segni del più grande cartellonista italiano, 1900-1950, Milano, Fabbri, 1991. (Catalogo della mostra)

MONTENERO, Giulio, Marcello Dudovich – Una mostra su 60 anni di manifesti al Civico Museo Revoltella di Trieste, 25 giugno-25 luglio 1962, Trieste, Comune di Trieste, 1962. (Catalogo della mostra)

GRANZOTTO, Giovanni, Marcello Dudovich, s.l. [ma Milano], Giorgio Corbelli editore, 1999

PUTTIN, Lucio – BRUNI, Barbara, Marcello Dudovich, Treviso, Museo Civico “Luigi Bailo”, 1978. (Catalogo della mostra)

PICONE PETRUSA, Maria Antonietta, I manifesti Mele, immagini aristocratiche della “belle époque” per un pubblico di Grandi Magazzini, Milano, Arnoldo Mondadori Editore, 1988 – Roma, De Luca Edizioni d’Arte S.p.A., 1988. (Catalogo della mostra)

Fondazione Emiddio Mele – I Magazzini Mele: www.fondazionemele.it

CURCI, Roberto, M. Dudovich. Corso Album, Trieste, Edizioni Lint, 1985

CURCI, Roberto, Dudovich. La poetica dell’immagine femminile, Modit, Milano, 1990 (Catalogo della mostra)

POLI, Francesco, Marcello Dudovich: disegni dagli anni venti agli anni cinquanta, Torino, La Bussola – Grafica internazionale, 1990 (Catalogo della mostra)

MOROLLI, Gabriele – FONTI, Daniela PESCE, Giuseppe, Il Palazzo dell’Aeronautica, Roma, Editalia, 1989

RESENTERA, Gian Paolo – GUARNIERI, Silvio, Walter Resentera. Retrospettiva antologica a cinque anni dalla scomparsa, Schio, Edizioni Menin, 2000

PADOVANI, Francesco, Fabbrica Birra Pedavena, 1897-1997: cent’anni di storia, Rasai di Seren del Grappa, Edizioni DBS, 1997. (Catalogo della mostra)

Tesi di Laurea su W. Resentera di: RECH, Chiara, Walter Resentera (1907 – 1995). Cartellonista, illustratore, pittore. aa. 2000/2003 e TESSARI, Michela.

Sito web su W. Resentera: www.resentera.it

Sara Accorsi, Nives Comas Casati. L’eletta signora, Ed. Cirelli & Zanirato, Ferrara, 2010

Copyright©2016 www.vogliadiarte.com di Maria Alessandra de Caterina Tutti i diritti riservati. 
Il materiale di questo sito non può essere copiato, pubblicato o venduto in qualsiasi forma, senza l'autorizzazione dell'autore. Gli utenti possono condividere il contenuto unicamente per proprio uso personale per fini non commerciali.

2 pensieri riguardo “Marcello Dudovich, il pittore della vita moderna. Gli anni Trenta”

  1. Dai bei cartelli, da te esposti, appare un Dudovich veramente cambiato nei soggetti e nelle atmosfere, ormai lontano dal clima della ”belle epoque” di fine ‘800 e del liberty primo ‘900. Direi, altro che adeguarsi ai nuovi tempi, anni trenta, li precede e, nello stesso tempo, li ” scavalca”, come la sua donna che passa elegantemente al di la’ della scritta ”La Rinascente”, volendo, cosi’, indicare di essere entrambi all’avanguardia!! Hai proprio ragione, Maria Alessandra, questo artista e’ stato, nel suo genere, veramente un genio! Grazie di avercelo fatto conoscere, mettendo, come al solito, ben in risalto le sue doti migliori. Alla prossima, ciao…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *